Verso Lecce-Ascoli, Liverani: "Sarà una gara tattica, decisivi i duelli nel mezzo"

di Marco Lombardi
Foto Articolo
Liverani

Alla vigilia del recupero di campionato con l'Ascoli, Fabio Liverani, tecnico del Lecce, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “La squadra ha fatto un’ottima gara a Crotone, sulla prossima partita farò scelte senza considerare il minutaggio, dopodiché giocheremo tre partite ravvicinate e lì farò qualche ragionamento sul minutaggio. Ho un paio di dubbi a centrocampo ma potrebbe essere confermata quasi totalmente la formazione di Crotone. Tumminello?A Crotone non l’ho inserito perché pensavo potesse fare fatica, la partita era molto intensa e tosta, in quel momento per lui poteva essere difficile entrare in partita. In questo momento ci sta che La Mantia sia un po’ stanco perché le gioca tutte quindi ci può stare che venga sostituito, in attacco ci può essere spazio sia per Tumminello che per Saraniti. Majer ha recuperato completamente ed è a disposizione. Per Scavone aspettiamo l’ok dei medici, sta già facendo lavoro fisico e deve trovare confidenza con i compagni e con i contrasti. L’Ascoli? Ha un’identità ben precisa, gioca a calcio e ha giocatori esperti e scaltri per questa categoria. Hanno esperienza, fisicità e qualità tecniche, se pensiamo che in attacco hanno Ardemagni, Beretta, Ganz, Ninkovic e Ciciretti, giocatori di tutto rispetto. Viene da cinque risultati positivi e non concede tantissimo, sarà una partita tattica e la spunterà chi vincerà più duelli in mezzo. Noi abbiamo i giocatori per poter fare una partita importante e dar seguito a quello che vogliamo, vedo i giocatori concentrati e vogliamo i tre punti. Tabanelli? Negli anni ha avuto spesso infortuni, per un giocatore la continuità è importante, adesso sta bene ed è rinfrancato dal gol e dalla prestazione di Crotone. Se sta bene fisicamente nemmeno lui sa quanto può dare perché ha tutto per essere un giocatore importante. I gol subiti? Delle volte concediamo gol per gol individuali, se fossero errori di reparto sarebbe un campanello d’allarme. Purtroppo ci sono errori individuali che capitano, non solo a noi ma anche alle altre squadre, dobbiamo migliorare la concentrazione. Domani abbiamo un’opportunità importante perché fare risultato positivo avrebbe molto valore, le altre squadre non giocano e possiamo guadagnare punti. I complimento dopo Crotone? Fanno piacere, soprattutto se arrivano da gente che non conosco direttamente come Benali, è motivo di grande orgoglio per quello che stiamo facendo. Gli elogi danno consapevolezza, sono motivo di orgoglio ma poi bisogna dimostrare di meritarli tutte le domeniche. Sette punti nelle prossime tre partite? Non firmerei, sarebbe un buon bottino ma le partite mi piace giocarmele e provare a vincerle tutte“.


Altre notizie
Martedì 25 Giugno 2019
Lunedì 24 Giugno 2019